Danzare tra gli incendi dell’amore

Certe notti dormo nel mio smoking.
Le mie dita snodano il papillon
nel sonno come se avessi
perso i sensi nella melodia di Begin the Beguine.
Il dolore al fianco va via,
un’estasi divina
di pollo fritto in un ristorante lungo la strada.
Una canzone di splendore tropicale
proviene da un vecchio jukebox
direttamente dal 1930.

Powell e Astaire compaiono
su una tortuosa scala a chiocciola.
I fili dei miei sogni
mi riportano sulla strada a due corsie
per Baton Rouge, serpeggiando tra
paludi e cipressi, giurando
che il mio amore sarebbe durato per sempre
in quel bar fumoso dove ci siamo incontrati
davanti a bourbon e Coca-Cola,
baciando ogni bacio come fosse
un altro tipo di danza sui denti
delle nostre ancora lontane morti.

Ho visto persone morire per lo stringere
troppo forte delle monete d’oro. Preferirei gettarle
dal vagone di un treno
attraversando il fiume Mississippi
sul vecchio ponte Slidel, e lì,
ballano il tip-tap su quelle travi d’acciaio,
Eleanor e Fred,
ballano alla velocità della luce e il mondo
che circonda tutti noi si restringe fino
alla dimensione
di un granello di pepe.

Mi unisco per un momento, ballando il tip-tap
tra loro, un’apparizione che difficilmente potevano aspettarsi,
una brace tra i fuochi del loro amore,
e poi, nel mio smoking, mi tuffo nel fiume,
nuoto lo stile libero
come Johnny Weissmuller
promettendo alla ragazza nel bar
di baciarla fino a quando la mia bocca si staccherà,
fino a quando la danza della morte ci porterà
a non separarci mai più.

 


Poem by Jack Grapes

Translated by Vera Linder

Read in English:

Resume the Resumé